Accoglienza: per la salute fisica e psicologia di bimbi e genitori

Sostieni il progetto Accoglienza dell'Istituto Giannina Gaslini: un piccolo gesto per regalare un sorriso ai nostri piccoli pazienti e alle loro famiglie.

 

Donare è semplicissimo, puoi farlo tramite: 

  • donazione online (paypal o carta di credito)
  • bonifico bancario
  • bonifico postale
  • presso la nostra bottega Gaslini Onlus (Ospedale di Giorno, pad 20 dell'Istituto Giannina Gaslini dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30)

ONLINE

Donazione online tramite Paypal o carta di credito
clicca qui

BONIFICO BANCARIO

Causale: Progetto Accoglienza
intestato a Gaslini onlus
IBAN: IT05V0617501583000000611780

Bonifici dall'estero:
codice BIC: CRGEITGG138

BONIFICO POSTALE

Causale: Progetto Accoglienza
intestato a Gaslini onlus 
c/c postale n. 100 851 4612


DESCRIZIONE DEL PROGETTO: PERCHÉ DONARE?

I bimbi malati hanno bisogno di essere rassicurati, protetti, non devono aver paura dell’ospedale, non possono essere allontanati a lungo dai loro genitori. Tutto questo è possibile al Gaslini. Ogni anno al Gaslini vengono assistiti e curati migliaia di bambini. Molti di loro sono bimbi fragili con patologie complesse, malattie rare o croniche: bimbi che provengono da tutta Italia e da oltre 80 Paesi in difficoltà, bimbi che hanno bisogno di un’assistenza personalizzata e spesso di una lunga degenza in ospedale. Non possono stare senza mamma e papà a lungo, l’accoglienza per loro deve essere speciale, devono sentirsi protetti da paure e traumi. Per questo è nato il CABEF-CENTRO ACCOGLIENZA BAMBINO E FAMIGLIA: per rispondere a tutte le prime necessità dei bimbi malati e dei loro genitori sin dal primo istante per tutto il tempo necessario con un servizio a 360 gradi:

• uno sportello di orientamento sanitario e malattie rare
• uno spazio a misura di bambino all’interno dell’ospedale
• operatori per accogliere e fornire informazioni
• assistenti sociali per assicurare la presa in carico complessiva dei bisogni della famiglia (alloggio,
sostegno economico, supporto relazionale, ecc.)
• educatori e mediatori culturali per sostenere le famiglie in difficoltà e i bambini stranieri

Purtroppo poi ci sono casi in cui le famiglie versano in grave difficoltà economica per la mancanza di un lavoro o la presenza di gravi malattie: non sempre è possibile far fronte alle spese per un alloggio vicino all’ospedale dove è ricoverato il loro bambino. In questi casi il CABEF, grazie alla collaborazione con le organizzazioni sul territorio, garantisce ospitalità e un alloggio. Perché la salute e la cura dei più piccoli passa anche attraverso la cura dei loro genitori.

Sono oltre duecento le famiglie assistite economicamente grazie al sistema Accoglienza. Il 25% delle famiglie provengono dall’estero (di queste circa il 90% con figli in cura per patologie oncologiche – ematolologiche) ; il restante 75% sono famiglie italiane o straniere residenti già in Italia. Ma le richieste di cura e assistenza al Gaslini aumentano ogni giorno. Per questo abbiamo necessità di sostenere il progetto Accoglienza per riuscire ad incrementare i servizi di accoglienza e per garantire a tutti un ospedale a misura di bambino. 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *