NEWS!

I nostri medici eroi a Beirut per salvare un bimbo

Le condizioni di Luca (Luca non è il suo vero nome, i genitori preferiscono un nome di fantasia) erano gravissime, all’ospedale Saint George di Beirut non sapevano come fare a curargli una grave infezione virale polmonare. Luca era nato prematuro (purtroppo sono sempre di più i bimbi che nascono prima del termine: è un problema diffuso che si porta con sé spesso patologie complesse che necessitano interventi immediati). Il papà e la mamma, italiani, ci hanno chiesto aiuto e così, dall’Ospedale Gaslini, è partita una missione di solidarietà. A bordo dell’elicottero è stata predisposta una vera postazione di terapia intensiva che, per tutta la durata del trasporto, ha consentito di mantenere Luca in ventilazione meccanica, garantire l’infusione continua di farmaci e il monitoraggio di tutti i parametri vitali.
Luca ora sta bene, la sua è stata una lotta per la vita ma ce l’ha fatta.

Grazie a tutti voi che ci avete aiutato nel nostro progetto “Angeli volanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *